Forum Ematologico 2023-2024
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

La probabilità di causare Long COVID è maggiore con la variante Delta rispetto alla variante Omicron


Uno studio di ricercatori del King's College London ha rilevato che la probabilità di sperimentare il Long COVID era tra il 20-50% in meno durante il periodo Omicron rispetto al periodo Delta.

I ricercatori hanno confrontato i dati sulla variante Omicron dal ZOE Health Study con quelli sulla variante Delta.

Nel Regno Unito, 56.003 casi di adulti sono stati identificati nel ZOE Health Study come risultati positivi al virus SARS-CoV-2 per la prima volta tra il 20 dicembre 2021 e il 9 marzo 2022, quando Omicron era il ceppo dominante.
I ricercatori hanno confrontato questi casi con 41.381 casi di adulti risultati positivi per la prima volta tra il 1 giugno 2021 e il 27 novembre 2021, quando la variante Delta era dominante.

L'analisi ha mostrato che il 4.4% dei casi di Omicron si è sviluppato in Long COVID, rispetto al 10.8% dei casi Delta.
Tuttavia, il numero assoluto di persone che hanno sofferto di Long COVID è stato più alto nel periodo Omicron a causa del gran numero di persone infettate dalla variante Omicron nel periodo dicembre 2021 - febbraio 2022.

Come condizione, non esiste una definizione concordata a livello internazionale per Long COVID, con conseguente mancanza di comprensione delle stime circostanti di quanto sia comune o quali siano i sintomi principali.

Per gli operatori sanitari del Regno Unito, il Long COVID è definito come sintomi che persistono per più di 12 settimane e che non possono essere spiegati da un'altra causa.
Questi sintomi possono includere affaticamento estremo, mancanza di respiro, dolore o costrizione toracica, problemi di memoria e concentrazione, alterazioni del gusto e dell'olfatto e dolori articolari.

Una serie di sintomi sono stati riportati anche nelle indagini sui pazienti, tra cui: problemi intestinali, insonnia e alterazioni della vista.

Dallo studio è emerso che la variante Omicron sembra sostanzialmente meno probabile che causi un Long COVID rispetto alle varianti precedenti, ma ancora una persona su 25 che contrae il COVID-19 continua ad avere sintomi per più di quattro settimane. ( Xagena )

Fonte: The Lancet, 2022

XagenaHeadlines2022



Indietro