Colifagina S
Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Xagena Newsletter

Efficacia sostenuta di Ciltacabtagene autoleucel, una terapia CAR-T, nei pazienti con mieloma


Sono stati riportati nuovi dati per la terapia CAR-T Ciltacabtagene autoleucel ( Cilta-cel ) diretta con l'antigene di maturazione delle cellule B ( BCMA ) nei pazienti con mieloma multiplo recidivante / refrattario ( RRMM ) pesantemente pretrattati.

I risultati aggiornati dallo studio di fase Ib/II CARTITUDE-1 hanno mostrato un tasso di risposta globale ( ORR ) del 98% con un follow-up a lungo termine di 18 mesi ( valore mediano ).

Inoltre, l'80% dei pazienti ha ottenuto una risposta completa rigorosa ( sCR ), in aumento rispetto al tasso sCR del 67% presentato nel Meeting annuale 2020 dell'American Society of Hematology ( ASH ).

I nuovi risultati hanno anche mostrato che il 66% dei pazienti era libero da progressione e vivo a 18 mesi, con una sopravvivenza globale dell'81%.

I tassi di risposta sono risultati anche comparabili tra i sottogruppi prespecificati e le linee di trattamento.

Lo studio CARTITUDE-1 ha incluso pazienti che avevano ricevuto una mediana di 6 regimi di trattamento in precedenza, con tutti i pazienti esposti a una tripla classe di farmaci ad includere un agente immunomodulatore ( IMiD ), un inibitore del proteasoma ( PI ) e un anticorpo anti-CD38.

Inoltre, il 42% era refrattario a 5 farmaci e il 99% dei pazienti era anche refrattario all'ultima linea di terapia.

Tra questi pazienti pesantemente pretrattati, il 14% ha ottenuto una risposta parziale molto buona ( VGPR ) e il 3% ha ottenuto una risposta parziale ( PR ).

Il tempo medio di risposta è stato di 1 mese, con risposte che si sono approfondite nel tempo: tra i 61 pazienti valutabili con malattia minima residua ( MRD ), il 92% dei pazienti ha raggiunto lo stato di negatività per la malattia MRD a una mediana di 1 mese dopo l'infusione.

Il profilo di sicurezza di Cilta-cel è risultato coerente con quanto precedentemente riportato e non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza.

Gli eventi avversi ematologici più comuni sono stati: neutropenia, anemia, trombocitopenia, leucopenia e linfopenia.
La sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) di qualsiasi grado è stata osservata nel 95% dei pazienti con una durata media di 4 giorni, e nel 99% dei casi si è risolta entro 14 giorni. ( Xagena )

Fonte: Janssen, 2021

XagenaHeadlines2021



Indietro