Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

CheckMate 9ER: confermati i vantaggi di prima linea di Nivolumab associato a Cabozantinib versus il solo Sunitinib per il cancro al rene in fase avanzata


Dai risultati dello studio CheckMate 9ER è emerso che la combinazione di Nivolumab ( Opdivo ) più Cabozantinib ( Cabometyx ) continua a offrire una sopravvivenza superiore a quella di Sunitinib ( Sutent ) per i pazienti con carcinoma renale avanzato ( RCC ) naïve-al-trattamento dopo un follow-up mediano di 32.9 mesi.

Sono stati riportati i risultati di un'analisi finale pianificata che ha mostrato una sopravvivenza globale ( OS ) mediana di 37.7 mesi per i 323 pazienti assegnati in modo casuale a ricevere Nivolumab 240 mg ogni 2 settimane più Cabozantinib 40 mg/die, significativamente più lunga della sopravvivenza mediana di 34.3 mesi per i 328 pazienti trattati invece con Sunitinib 50 mg/die, fornendo un rapporto di rischio ( hazard ratio, HR ) per morte di 0.70 a favore del braccio di combinazione.

Inoltre, è stato notato un vantaggio in termini di sopravvivenza globale con il trattamento di combinazione tra i sottogruppi di pazienti con caratteristiche speciali, inclusi quelli con caratteristiche sarcomatoidi, storia di nefrectomia e metastasi epatiche, ossee o polmonari al basale.

È stata anche aggiornata la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), con una durata mediana di 16.6 mesi per i pazienti trattati con Nivolumab più Cabozantinib rispetto a 8.3 mesi per gli omologhi trattati con Sunitinib, con un hazard ratio significativo per morte o progressione di 0.56.

I pazienti nel gruppo Nivolumab più Cabozantinib hanno avuto una maggiore probabilità di ottenere una risposta obiettiva al trattamento rispetto a quelli nel gruppo Sunitinib ( 56 vs 28% ), con una durata della risposta più lunga ( mediana 23.1 vs 15.1 mesi ).

Il braccio di trattamento Nivolumab più Cabozantinib ha avuto anche una durata mediana del trattamento più lunga rispetto al braccio Sunitinib ( 21.8 vs 8.9 mesi ); il profilo di sicurezza è rimasto coerente con l'analisi primaria.

Eventi avversi correlati al trattamento ( TRAE ) di grado 3-4 si sono verificati nel 65% dei pazienti trattati con Nivolumab più Cabozantinib e nel 54% di quelli trattati con Sunitinib.
I TRAE gravi, più comuni, sono stati: ipertensione ( 13 vs 12% ), eritrodisestesia palmo-plantare ( 8 vs 8% ) e diarrea ( 7 vs 5% ).

Nel complesso, questi dati forniscono ulteriore supporto all'associazione Nivolumab più Cabozantinib come efficace opzione di trattamento di prima linea per il carcinoma a cellule renali avanzato in un'ampia gamma di pazienti. ( Xagena )

Fonte: The Lancet Oncology, 2022

XagenaHeadlines2022



Indietro