XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute

Carcinoma uroteliale muscolo-invasivo: Atezolizumab in monoterapia come trattamento adiuvante non ha raggiunto il suo endpoint primario nello studio IMvigor010


Lo studio di fase III IMvigor010 che sta valutando la monoterapia con Atezolizumab ( Tecentriq ) nel setting adiuvante ( dopo intervento chirurgico ) non ha raggiunto il suo endpoint primario di sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) rispetto all'osservazione in persone con carcinoma uroteliale muscolo-invasivo ( MIUC ).
La sicurezza di Atezolizumab è risultata coerente con il profilo di sicurezza noto del medicinale e non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza.

L'obiettivo nel trattamento precoce del tumore MIUC è quello di ridurre il rischio che la malattia si ripeta o si diffonda ad altre parti del corpo.
Sono necessarie ulteriori opzioni di trattamento dopo l'intervento chirurgico poiché circa la metà delle persone con tumore MIUC andrà incontro a una recidiva entro 2 anni dall'intervento.

IMvigor010 era uno studio globale di fase III, in aperto, randomizzato e controllato, progettato per valutare l'efficacia e la sicurezza del trattamento adiuvante con Atezolizumab rispetto all'osservazione in 809 persone con tumore MIUC, che sono ad alto rischio di recidiva dopo resezione.
L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia, valutata dallo sperimentatore, che è definita come il tempo che intercorre tra la randomizzazione, la recidiva o la morte invasiva del carcinoma uroteliale.

Nel 2018, ci sono stati oltre mezzo milione di nuovi casi di cancro alla vescica diagnosticati a livello globale, con circa 200.000 morti per malattia.
Il carcinoma uroteliale è il tipo più comune di carcinoma vescicale, che rappresenta circa il 90-95% di tutti i casi.
MIUC è un tipo di tumore uroteliale che si è diffuso nel muscolo della vescica, dell'uretere o del bacino renale.
In circa il 25% dei nuovi casi di carcinoma della vescica ha diagnosi di malattia muscolo-invasiva, che è associata a una prognosi peggiore rispetto al tumore non-MIUC.

Atezolizumab è un anticorpo monoclonale che si lega a una proteina denominata PD-L1, che è espressa sulle cellule tumorali e sulle cellule immunitarie infiltranti il ​​tumore, bloccando le sue interazioni con entrambi i recettori PD-1 e B7.1. Inibendo PD-L1, Atezolizumab consente l'attivazione delle cellule T. ( Xagena )

Fonte: Roche, 2020

XagenaHeadlines2020



Indietro